VILLAGRAPPA (QUARTIERE)

Nato col significato di podere, residenza signorile di campagna, il latino villa è divenuto col tempo il contrapposto a civitate, ovvero città, fino ad indicare un preciso agglomerato di campagna. Un piccolo centro rurale, un villaggio.

A Forlì troviamo Villafranca, Villanova e Villagrappa che propongono ancora toponimi “completi”, mentre altri hanno perso ufficialmente l’indicazione di villa, mantenendola però nel gergo popolare: parliamo ad esempio di Villa Romiti, Villa Selva e Villa Rovere, oggi semplicemente Romiti, La Selva e Rovere.

Per l’origine del toponimo Grappa, su La Madonna del Fuoco, periodico d’inizio secolo, leggiamo: Si crede che il nome “villa grappa” significhi “villa dei grappoli”. E senza dubbio doveva essere luogo di antiche vigne, visto che a breve distanza abbiamo S. Maria delle Vigne (Celletta dei Passeri nda), eretta nel 1690. Come è noto, i nomi grappa, grappo, grappolo si fanno derivare del tedesco. La grappa equivale a spranga di ferro per collegare pietre, travi o altro. E il grappo o grappolo è propriamente il ramicello che collega i chicchi d’uva al tralcio.

Antonio Polloni su Toponomastica Romagnola, spiega così l’idronimo Rio Grappa: toponimo diffuso, forse da un prelatino “graba” “grapa” (greto o ghiaieto), …quindi Rio Grappa vale rio ghiaioso. E a questa spiegazione accomuna anche la nostra Villagrappa.

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi