CSA SIT LA VECIA AD MAZZONI?

Csa sit la vecia ad Mazzoni ch’la dis sempar ad no? Chi sei la vecchia di Mazzoni che dice sempre no? La protagonista di questo detto non ha un nome. Arriva alla memoria dei forlivesi attraverso tre dati salienti: vecchia, Mazzoni e il “no” che lei stessa opponeva ad ogni interlocutore. La persona alla quale … Leggi tuttoCSA SIT LA VECIA AD MAZZONI?

PERE VOLPINE AL SANGIOVESE

Amata e poi dimenticata, oggi la Pera volpina è tornata, assieme ad altre straordinarie tradizioni culinarie, ad arricchire la gamma delle prelibatezze invernali di Romagna. Si trova nei migliori negozi di frutta e verdura e addirittura in qualche supermercato. Sui social la disponibilità è fiorente e i prezzi veramente buoni. Grazie a numerosi appassionati, che … Leggi tuttoPERE VOLPINE AL SANGIOVESE

IL MARAFFONE E’ NATO A SAN VARANO

Esistono mille particolarità che identificano la Romagna. Il dialetto, la esse e la zeta, l’operosità, il Sangiovese, la Cagnina, l’Albana, le carte romagnole, il Maraffone (Marafone)… Se le carte Romagnole appaiono di derivazione spagnola con probabili origine arabe, come lo sono le Piacentine, le Napoletane e molte altre dell’Italia centrale e meridionale, il Maraffone parrebbe … Leggi tuttoIL MARAFFONE E’ NATO A SAN VARANO

LA PIADINA DELLA MADONNA DEL FUOCO

Il 4 febbraio di ogni anno a Forlì si festeggia la protettrice della città: la Madonna del Fuoco. Il centro storico assume un aspetto magico. La gente invade le strade che odorano di dolci e le bancarelle espongono in abbondanza uno dei prodotti esclusivi della tradizione forlivese: la Piadina della Madonna del Fuoco. A Forlì … Leggi tuttoLA PIADINA DELLA MADONNA DEL FUOCO

INVORNITO (INVURNI’)

Invornito è l’italianizzazione di un bellissimo termine romagnolo che a Forlì si pronuncia “invurnì”. Avremmo mangiato meglio se quell’invornito non si fosse dimenticato di spegnere i fornelli. Chi è l’invornito? O meglio, cos’è un invornito? La parola non è contemplata dai dizionari d’Italiano perché si tratta, come si diceva poc’anzi, di un termine derivato dal … Leggi tuttoINVORNITO (INVURNI’)

LA GRAMADORA (GRAMOLATRICE)

Gramadora, ovvero gramolatrice: poetica e trasgressiva immagine femminile della più schietta campagna romagnola. Andè a gramadora, spiega il dialettologo Libero Ercolani, significava andare alla veglia delle gramolatrici nelle aie in cui si svolgeva la gramolatura. La gramola o maciulla era l’attrezzo con cui si pestava, si batteva, si maciullava la parte fibrosa della canapa per … Leggi tuttoLA GRAMADORA (GRAMOLATRICE)

“SGOND DOV CH’LA CHЀSCA” (SECONDO DOVE CADE)

Sgond dov ch’la chèsca: secondo dove cade. Il significato di questo bellissimo detto forlivese è facilmente traducibile: vediamo se mi conviene. Il fatto. L’azdòra che stava tirando la sfoglia par fê’ l’amnëstra si rivolse all’amico presente invitandolo al pranzo di famiglia. Quest’ultimo alzò la testa e, apprestandosi a rispondere, vide che dal naso della massaia … Leggi tutto“SGOND DOV CH’LA CHЀSCA” (SECONDO DOVE CADE)

“UN’ORA AD BÔ TEMP E SUGA LA STRÊ” (UN’ORA DI BUON TEMPO ASCIUGA LA STRADA)

Un’ora ad bô temp e suga la strê: un’ora di buon tempo asciuga la strada. Un detto della tradizione forlivese carico di speranza, positività e saggezza. A volte basta un solo evento positivo per rimetterci in carreggiata. Uno squarcio di luce dove prima era buio ci restituisce la fiducia. Un buon affare può rimediare a … Leggi tutto“UN’ORA AD BÔ TEMP E SUGA LA STRÊ” (UN’ORA DI BUON TEMPO ASCIUGA LA STRADA)

“I VEND LA TORRA” (VENDONO LA TORRE)

I vend la Torra, ovvero vendono la torre, è un simpatico detto in uso a Forlì nella prima metà del Novecento. Il suo significato è rivelatore di scarsa disponibilità economica assieme a un’evidente leggerezza nella pratica pubblica. L’Amministrazione comunale, in grave difficoltà economica, per risolvere il problema non trova altro rimedio che vendere l’invendibile: la … Leggi tutto“I VEND LA TORRA” (VENDONO LA TORRE)

PITTARONA (VIA)

La via Pittarona, a Pievequinta di Forlì, prende il nome da un podere della zona. Guido Laghi, sul volume Pievequinta nella Storia, attribuisce l’origine della denominazione a un soprannome di impianto burlesco e scherzoso. Pare di vederla la Pittarona: bella e corpulenta, anzi prosperosa arzdora di Pievequinta. Burlesco e scherzoso, certamente, perché e pitar in … Leggi tuttoPITTARONA (VIA)

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi