VILLANOVA (QUARTIERE)

Villanova

Nato col significato di podere, residenza signorile di campagna, fondo rustico con caseggiato, il latino villa è divenuto col tempo il contrapposto a civitate, ovvero città, fino ad indicare un preciso agglomerato di campagna. Un piccolo centro rurale, un villaggio.

Villanova, ha probabilmente una storia in comune con Villafranca e San Martino in Villafranca. La storia gravita attorno al fiume Montone, alla sua rettifica e alla sua bonifica.

Alcuni toponimi, antichi e attuali, ricordano come la zona tra i Romiti e Faenza, fosse in gran parte palude. Parliamo ad esempio del Cassirano, della via Padulli e dell’antica Laguna Cava, oggi solo Cava. Ingenti interventi idraulici portarono alla bonifica della zona e all’inserimento del Montone nell’alveo del rio Cosina che descriviamo più approfonditamente nel quartiere Villafranca. Probabilmente, proprio in seguito alla realizzazione degli interventi di bonifica, venne a crearsi l’opportunità di nuove terre da sfruttare. Nacque quindi una villa nuova per la quale non è da escludere che il nucleo originario potesse essere proprio l’insediamento della manovalanza addetta alle opere idrauliche

 

 

 

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi