SAN BENEDETTO (QUARTIERE)

Mappa di base tratta dal sito ufficiale del Comune di Forlì: www.comune.forli.fc.it. Elaborazione grafica Forlipedia.
Mappa di base tratta dal sito ufficiale del Comune di Forlì: www.comune.forli.fc.it. Elaborazione grafica Forlipedia.

Un quartiere giovanissimo, istituito a Forlì attorno alla metà degli anni ’90 sottraendo al territorio dei Romiti l’area che circondava la chiesa di San Benedetto al di qua del fiume Montone. Anche l’edificio ecclesiastico di via Lughese, dedicato al santo di Norcia, e di recente costruzione.

Per sfuggire alla fama di un suo primo miracolo, Benedetto si ritirò in una grotta nelle vicinanze di Subiaco, dove visse per tre anni sottoponendosi alla più rigida disciplina ascetica e praticando la mortificazione del corpo.
Fu chiamato a dirigere un monastero, ma le sue regole ferree fecero sì che subisse un tentativo di avvelenamento. Fondò 12 monasteri e sventò, per doti sovrannaturali, un secondo avvelenamento. Decise quindi di realizzare un monastero di nuovo stampo con una Regola da lui stesso redatta. Era il monastero di Montecassino, dove, secondo la tradizione, morì nel 547.

La regola di San Benedetto si riassume nel precetto ora et labora, ovvero prega e lavora. La chiesa festeggia il santo il giorno 11 luglio. Nel 1947 papa Pio IX proclamò San Benedetto patrono d’Europa.

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi