GENUZIO BENTINI

Genuzio Bentini, nato a Forlì il 7 giugno 1874. Importante avvocato del Foro Bolognese e membro della direzione del partito Socialista. Cartolina Illustrata. Particolare. Raccolta privata.
Genuzio Bentini, nato a Forlì il 7 giugno 1874. Importante avvocato del Foro Bolognese e membro della direzione del partito Socialista. Cartolina Illustrata. Particolare. Raccolta privata.

Il 12 ottobre 1911 fu arrestato a Forlì il socialista Benito Mussolini. Lo sciopero indetto contro la guerra in Libia aveva avuto un tiepido successo, ma non a Forlì. A Forlì, dove Nenni e Mussolini avevano sapientemente agitato le folle e istigato le persone a disertare, lo sciopero andò oltre la sommossa. Fu una rivolta di migliaia di operai che abbatterono i pali del telegrafo e tentarono di far deragliare il treno. A difendere Mussolini, segretario del locale partito Socialista nonché fondatore del giornale Lotta di Classe, fu l’avvocato forlivese Genuzio Bentini. La sentenza di primo grado condannò il predappiese a 12 anni da scontare nel carcere della Rocca di Forlì. Ma Benito aveva fiducia nel proprio legale e compagno di partito: la pena fu infatti ridotta in appello da 12 anni a 6 mesi.

Genuzio Bentini, penalista, politico, giornalista, oratore e antifascista nacque a Forlì nel 1874. Giovane irrequieto di pensiero anarchico, pacifista e antimilitarista si laureò a Bologna nel 1896. Nella città felsinea, dove fu più volte condannato per vicende politiche, il suo grande impegno lo condusse a diventare un importante esponente del partito Socialista. Fu deputato per molte legislature, ma, ricordano i vecchi registri toponomastici comunali, ebbe fama soprattutto di penalista ed oratore fra i più grandi d’Italia e della sua attività di socialista militante, sono i ricordi di innumerevoli comizi.

Gioiello e Zambelli, sul volume, Amarcord, piò ‘d quarant’en fa… riportano piccoli interessanti brani di alcuni suoi discorsi. Uno in particolare ci ha incuriosito. Qualcuno – scrivono gli autori – lo ricorda difendere un tale che aveva abbandonato l’amante, la quale si era allora uccisa lasciando una lettera d’accusa contro l’infedele: l’avvocato avversario si apprestava alla conclusione della sua arringa dicendo con voce accorata: “la vicenda è tanto più grave quando si pensa che egli l’aveva illusa giurandole che essa era per lui la prima donna; capite, la prima donna…” Non poté finire la frase. Nel silenzio generale si udì la voce di Bentini: “La prima donna? E’ forse obbligo sposare la prima donna? Ma se non ci riesce neppure il tenore nei melodrammi. Fa, fa e poi al quarto atto non la sposa mai!” La battuta fu più efficace di qualsiasi orazione. La carica emotiva creata dall’antagonista era stata spezzata.

Perseguitato dal fascismo decise di non abbandonare mai l’Italia e solo si spostò da Bologna a Milano. Durante la seconda guerra mondiale si raccontano alcune sue partecipazioni agli incontri notturni, che si svolgevano presso l’Hotel Masini di Forlì, con alcuni esponenti del movimento di Liberazione.

Morì a Lodi nel 1943. Pochi anni dopo gli furono rese le onoranze, sia a Bologna che a Forlì. Sulla lapide, collocata sulla facciata della casa natale in corso Garibaldi, venne scritto: Qui nacque | il 27 giugno 1874 | Genuzio Bentini | Con l’eloquenza dominatrice | con l’esempio | nelle piazze, nel foro, nel Parlamento | rischiarò | le ore tenebrose | dell’Umanità.

Per saperne di più:

– Lorenzo Bedeschi e Dino Mengozzi (a cura di). Personaggi della Vita Pubblica di Forlì e del Circondario. Dizionario Bibliografico 1897 – 1987. Due volumi. Istituto di Storia dell’Università di Urbino. Edizione QuattroVenti. Urbino 1996. 
– Salvatore Gioiello e Lieto Zambelli
. Amarcor, piò ‘d quarant’èn fa… Cassa Rurale ed Artigiana di Forlì. 1995.

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi