LA LUNETTA ROMANICA DI SAN MERCURIALE

L’adorazione dei Magi e il sogno. Lunetta del portale di “San Mercuriale”. Maestro dei Mesi di Ferrara”, XIII. Foto Forlipedia, anno 2018.
Settembre. Maestro dei Mesi di Ferrara. Museo della Cattedrale di Ferrara.

“L’adorazione dei Magi e il sogno” (1230 circa) è un capolavoro d’arte romanica collocato nella lunetta che sovrasta il portale maggiore di “San Mercuriale” a Forlì. La scultura in marmo è attribuita ad un artista dell’area romanico padana di Benedetto Antelami: è il cosiddetto Maestro dei Mesi di Ferrara. Lo scultore porta questo nome per aver decorato la Porta dei Pellegrini della cattedrale ferrarese con un serie di sculture/allegorie che rappresentano, appunto, i mesi dell’anno: si tratta di uno dei maggiori capolavori della scultura del ‘200 in Italia, oggi custodito nel museo della Cattedrale ferrarese. Il mistero attorno all’identità di questo artista rappresenta uno dei quesiti più affascinanti della storia dell’arte medievale. Attivo a Ferrara, Forlì e Venezia nella prima metà del Duecento, fu uno dei più grandi scultori della sua generazione (Comune di Ferrara museo della Cattedrale le Formelle dei Mesi).

I Vallobrosani di “San Mercuriale” erano così ricchi e potenti da potersi permettere, dopo aver riedificato la chiesa ed eretto il maestoso campanile, una committenza importante come quella destinata al maestro dei Mesi. La lunetta forlivese racconta l’adorazione dei Magi (a destra) e il sogno tramite il quale gli stessi vengono invitati a trovare una nuova strada nel ritorno per non incontrare Erode (a sinistra). La scultura (non altorilievo), nel 1950 fu completamente ripulita da una pittura bronzea che le dava un aspetto metallico. Negli ultimi anni del ‘900 il complesso marmoreo ha potuto beneficiare di un nuovo attento restauro.

I Magi portano la mano all’orecchio per ascoltare, nel sonno, i suggerimenti dell’angelo. Lunetta di “San Mercuriale”. Particolare.

Nell’Adorazione, il primo dei Magi si sta togliendo la corona, il secondo l’ha appena tolta e il terzo s’inginocchia al cospetto del Bambino e della Madonna in trono: l’unica alla quale è concessa la corona indossata. L’artista simbolizza la sottomissione appendendo ad una mensola del muro il mantello e la corona di cui si è spogliato il devoto prima d’inginocchiarsi. Gesù, Signore del mondo, è vestito come un imperatore (Silvia D’Altri: Abbazia di San Mercuriale in Forlì).

Il sogno è rappresentato dall’angelo, del quale un’ala esce dalla lunetta, che parla ai Magi mentre dormono sotto le coperte. Dormono ma ascoltano. Il Maestro dei Mesi li rappresenta infatti con la mano portata all’orecchio.

Il portale secentesco sottostante è interessante ma non all’altezza della grande opera scultorea. Nella parte superiore di esso sono rappresentati San Mercuriale, patrono di Forlì e San Giovanni Gualberto (non certo), monaco fondatore della congregazione dei Vallobrosani.

La lunetta di “San Mercuriale” rappresentata in un graffito di Irene Ugolini Zoli. Ex Hotel Universal. Forlì. Foto Forlipedia.
Il portale maggiore di “San Mercuriale” con i santi Mercuriale e Giovanni Gualberto. Foto Forlipedia.

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi