IL PROTON

Una delle tante magnifiche pubblicità del “Proton”. Illustrazione di Riccardo Salvadori. Raccolta privata.
Pubblicità del “Proton”. Ringraziamenti del forlivese Giovanni Sabbia al dott. Rocchietta. “Il Mattino Illustrato”, 1927. Raccolta privata.

Il Proton e Forlì: un rapporto di fiducia.

Il Proton era uno sciroppo ricostituente per adulti e bambini nato nel 1910 nella farmacia del dottor Camillo Rocchietta di Pinerolo. Ebbe grande successo, tanto che la crescente richiesta rese necessaria la costruzione di uno stabilimento dedicato. Nel 1932 la produzione si trasferì a Torino e il medicinale si diffuse in 52 paesi del mondo, compresa l’Australia. La sua produzione fu interrotta nel 1965 con la scomparsa dell’ideatore. Di grande impatto fu la massiccia e moderna promozione pubblicitaria per la quale il dott. Rocchietta incaricò famosi pittori e cartellonisti italiani come Marcello Dudovich, Luigi Bompard e Riccardo Salvadori che crearono veri capolavori. Interessante fu anche il coinvolgimento di persone comuni. Sui giornali nazionali apparvero infatti inserzioni pubblicitarie in cui normali cittadini dichiaravano la propria accorata gratitudine all’inventore del miracoloso sciroppo.

E qui nasce il motivo per cui il Proton appare sulle pagine di Forlipedia, l’enciclopedia del territorio forlivese. Abbiamo infatti trovato ben tre pubblicità con altrettante dichiarazioni di forlivesi che in alcune importanti pubblicazioni degli anni ’20 e ’30 “ci misero la faccia”. E non per modo di dire: le inserzioni comprendevano infatti il nome e il cognome, l’indirizzo, la città e una fotografia. Le persone sono: Giovanni Sabbia, Francesco Angelini ed Elisa Zauli. Ma perché i forlivesi aderirono alla promozione pubblicitarie del Proton? Perché così tanti? Come arrivò Camillo Rocchietta a Forlì?

Pubblicità del “Proton”. Ringraziamenti della forlivese Elisa Zauli al dott. Rocchietta. “La Tribuna Illustrata”, 1930. Raccolta privata.

Siamo riusciti a contattare Maristella Rocchietta, la gentilissima nipote dell’inventore del Proton che oggi vive a Milano, ma diciamo subito che nessuna delle tre domande ha ottenuto risposta. L’erede dell’imprenditore pinerolese non è a conoscenza di alcun contatto particolare tra la città romagnola e Pinerolo. Nessuna notizia di rapporti familiari, solo contatti professionali. Tutte le farmacie vendevano il Proton – ci racconta proprio la signora Maristella – era un buon prodotto e il suo dolce sapore piaceva molto ai bambini. Anche per questo lo sciroppo ebbe grande successo. In effetti però – puntualizza –, tre dichiarazioni di forlivesi pubblicate sui giornali sono sicuramente un caso particolare.

Abbiamo anche verificato se le tre persone citate fossero realmente esistite e se abitavano nel luogo indicato nelle pubblicità. Ebbene, due di loro hanno avuto riscontro positivo: si tratta di Giovanni Sabbia e Francesco Angelini. Nessuna notizia invece di Elisa Zauli che, a parere di chi scrive, abitava probabilmente in una città della provincia di Forlì. Le dichiarazioni erano tutte reali – conferma Maristella – Le lettere di ringraziamento arrivavano così numerose che non avrebbe avuto senso inventarne delle nuove. Erano tutte custodite nello stabilimento che purtroppo andò distrutto con i bombardamenti.

A seguire le dichiarazioni dei forlivesi utilizzate dall’azienda per le inserzioni pubblicitarie.

Pubblicità del “Proton”. Ringraziamenti del forlivese Francesco Angelini. Rivista d’epoca.

Forza, salute e colorito mediante la cura del “Proton”, speciale nella composizione, brillante nei suoi effetti.
Sig. Dott. Comm. C. Rocchietta, Pinerolo. Da circa due anni disperavo di poter salvare il mio bambino, che, deperito, male si reggeva sulle gambe. Oggi, grazie al “Proton”, il mio bambino ha acquistato forza, salute e colorito. Le unisco La fotografia, come attestato di gratitudine.

Dev.mo Sabbia Giovanni, Via Carlo Cattaneo, 5 Forlì.

Per la salute delle giovani ragazze. L’anemia è lo scoglio contro il quale vanno spesso a naufragare la salute ed il benessere delle giovani ragazze: Il Proton le aiuta a mantenersi incolumi.
Sig. Dott. Comm. C. Rocchietta – Pinerolo. Sono lieta di comunicarLe che la cura del Suo miracoloso “Proton” è stata per me veramente benefica, poiché mi ha guarita da una profonda anemia che da molto tempo mi tormentava, e mi ha ridonato il rosso colorito ed il benessere di un tempo. Gradisca i sensi della mia più alta riconoscenza.

Elisa Zauli, Via Piero Maroncelli, 7 – Forlì.
Le dichiarazioni di elogio del Proton sono sincere e spontanee.

Il Proton negli allenamenti sportivi.
Sig. Dott. Comm. C. Rocchietta, Pinerolo. Le posso assicurare che il “Proton” è veramente un balsamo per coloro che praticano lo sport e debbono sottostare a sforzi prolungati. Data la mia professione, ho dovuto ricorrere ad una cura energetica per rinvigorire i miei muscoli indeboliti per il soverchio lavoro. Ho scelto il “Proton” e me ne posso dichiarare veramente soddisfatto. Distintamente la saluto.
Angelini Francesco, Via Silvio Pellico, N. 18, Forlì.

Camillo Rocchietta, l’ideatore del Proton. Raccolta Maristella Rocchietta Milano.
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Marino Mambelli

Un ringraziamento per la preziosa collaborazione a: Maristella Rocchietta, Ezio Giaj, Marina Ulivi.

Bibliografia:
Camillo Rocchietta e il Proton
Museo Civico Etnografico del Pinerolese
Museo Mario Strani
Consorzio Vittone

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi