LA DIVINA COMMEDIA DEL TIPOGRAFO MARCOLINI – 1544

Divina Commedia del 1544 stampata dal tipografo forlivese Francesco Marcolini. Stampa del ciclo illustrativo dell’opera: Giovanni Britto (Johannes Breit) o Francesco Marcolini. Forlì, biblioteca Aurelio Saffi. Fondo Piancastelli.

La Divina Commedia del 1544 stampata dal tipografo forlivese Francesco Marcolini ha un ruolo importante nella storia tipografica italiana. La biblioteca Aurelio Saffi di Forlì ne custodisce ben tre copie.

L’opera venne pubblicata a Venezia nel 1544 dal tipografo forlivese Francesco Marcolini. Marcolini si era trasferito in Laguna intorno al 1527 dove avrebbe intrapreso la propria attività di stampatore a partire dal 1535. Si tratta della prima edizione con il commento del letterato lucchese Alessandro Vellutello. Rispetto alle interpretazioni precedenti, il nuovo commento di Vellutello si distingue per una ricerca più curata ed erudita delle fonti. L’intenzione dello stampatore Marcolini, in accordo con il commentatore lucchese, fu quella di dare alle stampe una nuova Commedia in contrapposizione alla fortunata edizione aldina del 1502 che, nonostante il suo indiscusso successo, aveva suscitato fin dall’inizio vivaci opposizioni.

Le 3 xilografie a piena pagina e le 84 stampe che compongono il ciclo illustrativo dell’opera sono generalmente attribuite all’incisore tedesco Giovanni Britto (Johannes Breit), altre fonti le attribuiscono invece allo stesso Marcolini. Si tratta, ad ogni modo, di illustrazioni di nuova concezione, la veste dei personaggi risulta rinnovata rispetto all’iconografia dei secoli precedenti: Dante e Virgilio vestono all’antica e portano corone d’alloro, i demoni hanno un aspetto moderno e le forme umane. Ogni vignetta si riferisce a una o più scene dei canti illustrati ed è riconducibile alle glosse del Vellutello. Le illustrazioni risultano molto dettagliate e mostrano una grande fedeltà  al testo dantesco che si propongono di descrivere.

Questa edizione, innovativa sotto tutti i punti di vista, rappresenta il frutto di una stretta e riuscita collaborazione fra stampatore, commentatore e incisore.

Divina Commedia del 1544 stampata dal tipografo forlivese Francesco Marcolini. Alcune stampe che compongono il ciclo illustrativo dell’opera: Giovanni Britto (Johannes Breit) o Francesco Marcolini. Forlì, biblioteca Aurelio Saffi. Fondo Piancastelli.
Palazzo Romagnoli. Alla scoperta di Dante. Mostra. Foto Forlipedia, 2021.

Nel 2021 il prezioso volume è stato protagonista in due mostre dantesche:
Dante, la Visione dell’Arte, (30 aprile – 11 luglio) Forlì Musei san Domenico
Alla scoperta di Dante. Il patrimonio dantesco alla Biblioteca Aurelio Saffi di Forlì, (18 settembre – 18 dicembre) Forlì Palazzo Romagnoli.

Maurizio Tassani

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi