1971: NASCE L’ISOLA PEDONALE

Piazza Saffi invasa dalle auto prima dell’istituzione della zona pedonale

Un’importantissima deliberazione del Consiglio comunale dell’ottobre 1971 definì una nuova regolamentazione della circolazione dei veicoli nel centro storico e l’entrata in vigore della zona pedonale. La città di Forlì ne aveva un norme bisogno. Gli stenti imposti dalla seconda guerra mondiale e gli sforzi della ricostruzione avevano da tempo lasciato campo libero al crescente rinnovamento economico e piazza Saffi, specchio di quell’impennata di benessere, si era riempita di auto diventando un enorme parcheggio. In quel periodo il mercato ambulante di Forlì si svolgeva in piazza Del Carmine, nella piazza adiacente (non ancora occupata dalle abitazioni di via Maceri, via Nullo), e in piazza XX Settembre.

L’area pedonale, nata tra mille difficoltà e polemiche, per ampiezza e conformazione non si discostava di molto da quella attuale. Decisamente diversa era invece la viabilità. I quattro corsi principali (Garibaldi, Mazzini, Diaz e Repubblica) assunsero il senso unico di marcia e vennero destinati al transito verso l’esterno, mentre gli accessi al centro, e quindi alla zona pedonale, furono garantiti da strade meno importanti quali via Della Rocca, Romanello, Della Grata, Palazzola e, soprattutto, via Giorgio Regnoli che nei giorni di mercato diventava a dir poco caotica.

Nell’immagine sottostante la soluzione di isola pedonale approvata dal Consiglio comunale nel 1971.

 

 

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi