TOPONOMASTICA ROMAGNOLA

Antonio Polloni. Toponomastica Romagnola. Presentazione di Carlo Tagliavini. Biblioteca dell’Archivium Romanicum fondata da Giulio Bertoni. Serie II Vol. 33. Leo S. Olschki Editore Firenze. 1966. Idee certo buone del Polloni sono quelle di mettere in risalto il carattere prevalentemente rurale della toponomastica romagnola (come d’altronde di buona parte di quella del resto della pianura padana)e … Leggi tuttoTOPONOMASTICA ROMAGNOLA

COLLINA (QUARTIERE)

Collina, proprio come la leggiamo sul dizionario Palazzi: elevazione di terreno che non supera i 600 metri. Latino tardo: collinam. Antonio Polloni, su Toponomastica romagnola scrive: Toponimo comune di borghi raccolti sopra modeste elevazioni. S. Apollinare in Collina (Forlì), S. Biagio in Collina (Brisighella), Collina (Val Conca)… La denominazione di Collina – leggiamo sul periodico d’inizio ‘900 … Leggi tuttoCOLLINA (QUARTIERE)

CIOLA (QUARTIERE)

Toponimo molto diffuso – scrive Antonio Polloni – dal latino classico “cella”, all’italiano “piccola camera”. Nel suo sviluppo storico non sempre cella ebbe ed ha significato solo religioso: un’iscrizione cristiana parla ancora di “cella binaria”(cantina vinaria). In pieno Medio Evo cella significò “piccola azienda agricola” dipendente dalla Badia o grangia, lavorata dai cellulari. Le forme popolarmente … Leggi tuttoCIOLA (QUARTIERE)

CAVA (QUARTIERE)

Numerose ed interessanti sono le ipotesi sulla nascita del toponimo Cava. La soluzione alla quale diamo certamente più credito è quella che esaminiamo a conclusione della scheda. La strada cava, la cui presenza si rileva in molti luoghi d’Italia, è spesso indicata in toponomastica come l’antica via lastricata romana che ha conosciuto l’abbandono e l’incuria … Leggi tuttoCAVA (QUARTIERE)

CASTIGLIONE (QUARTIERE)

I Castiglione sono numerosi in Romagna (e in Italia). A Verghereto, Cesena, Cervia, Ravenna, Brisighella, Forlì… Per loro, da quanto leggiamo nei testi non specializzati, l’origine del nome parrebbe essere Leone, ovvero Castel Leone. Per tutti. Anche il nostro Castiglione appartiene alla lunga schiera dei potenti. Il suo stemma lo conferma: un leone rampante, con … Leggi tuttoCASTIGLIONE (QUARTIERE)

CASTELLACCIO (QUARTIERE)

Quanti Castellaccio in Romagna. A Rimini, Imola, Tredozio, Forlì… Il toponimo nasce  in genere dalla presenza di qualche rudere di rocca medievale presente nel territorio.Parlando della chiesa di Santa Maria in Castellaccio, Ettore Casadei racconta: Il nome primitivo era Santa Maria in Traversara, che deve avere relazione coi Traversari di Ravenna, ben noti nella storia … Leggi tuttoCASTELLACCIO (QUARTIERE)

Vincenzo Coronelli (1650 - 1718). Territorio della Città di Forlì, particolare. Raccolta privata.

CASEMURATE (QUARTIERE)

Antico e curioso toponimo già citato nella Descriptio Romadiole del 1371.Per la sua origine non dobbiamo pensare a punizioni o atti di forza. Né a gesti dimostrativi nei confronti di famiglie avversarie, ribelli o faziose. E neppure a soluzioni drastiche per isolare una pericolosa epidemia. La casa murata che ha stretto un patto perenne con … Leggi tuttoCASEMURATE (QUARTIERE)

FUORI DALLE MURA

Chiara Mazza. Fuori dalle Mura. Vita sociale. tradizioni, memorie delle frazioni rurali di Forlì, dall’Unità d’Italia alla Repubblica. Illustrazioni di Sauro Rocchi. Editore S.P.I. – C.G.I.L. Forlì. Con il Patrocinio del Comune di Forlì. 2003. Era tempo che le frazioni del comune di Forlì uscissero dal cono d’ombra in cui giacciono da quando la “grande … Leggi tuttoFUORI DALLE MURA

CARPINELLO (QUARTIERE)

Carpenelle leggiamo sulla Descriptio Romandiole del XIV secolo. Carpenella scrive Giovanni di Mastro Pedrino nel XV. Carpnela ricorda il dialettologo Ercolani nel 1994. Un fitotoponimo quindi, cioè un toponimo derivato dal nome di una pianta. Carpinello. In Italia sono molti i toponimi dedicati al Carpino; ne ricorda alcuni Giovan Battista Pellegrini: Carpinelli (Lucca), Càrpen (Belluno), … Leggi tuttoCARPINELLO (QUARTIERE)

CARPENA (QUARTIERE)

Carpena. Fitotoponimo, cioè toponimo derivato dal nome di una pianta.Carpina e Carpena leggiamo sul un atto del Libro Biscia di San Mercuriale (IX secolo). Carpene, troviamo sulla Descriptio Romandiole (XIV). Carpena cita Giovanni di Mastro Pedrino sulla sua Cronica (XV). Carpena riporta il Marchesi (XVII).Vedi anche quartiere Carpinello. Correlazioni con quartiere Carpena. Redefossi (via e scolo)

Forlipedia utilizza cookie per garantire un corretto funzionamento del sito. Maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie. I cookie che utiliziamo sono di tipo tecnico: sono pertanto utilizzati col fine di consentire il corretto funzionamento del sito e non per effettuare operazioni pubblicitarie o di profilazione. Potrebbero essere presenti cookie (anche di profilazione) di terze parti, la cui dichiarazione al garante viene effettuata dalla terza parte stessa. Alcuni link potrebbero indirizzare a siti esterni la cui Cookie Policy è differente da quella di Forlipedia. Puoi disabilitare i cookie dalle impostazioni del tuo browser.

Chiudi